Ibiza Alphabet [1/2]

Sette giorni riassunti in una ventina di nomi, uno per ogni lettera dell’alfabeto. Spero apprezziate.

Amnisiaaaaaaaa – Il nome corretto è Amnesia, ma sotto l’influenza della sconvolgente Camilla questo ridente locale situato accanto alla superstrada per Sant’Antoni si è trasformato in un urlo di perfidia e disperazione al tempo stesso. Meta della comitiva in una serata povera d’alcool (niente free drink per Panzeri e Ravasio), l’Amnisia offre agli spettatori di turno il celebratissimo Espuma Party. Sebbene il cannone schiumogeno sia in bella vista sin dai primi momenti della serata, i nostri eroi devono attendere le 5:30 per assistere finalmente all’esplosione di schiuma dalle indubbie proprietà nutritive. Da sottolineare: gente con occhialini da nuoto, l’omino pazzo venuto a ballare in bici, il mix di acqua, aria condizionata e freddo che non hanno proprio fatto bene a Panzeri (vedi Vairus). Per la serie "Alla fine videro la luce". Sofferenza.

Bimbominkia – Per tutta la vacanza ha tentato di nasconderlo. Invano. Alessandro Ravasio ormai è un bimbominchia, e lo dimostrano i Rayban appena aquistati, le pose senza ritegno davanti alla macchina fotografica, le quantità industriali di gel utilizzate per modellare i capelli, la lampante nuova passione per le disco truzze di Ibiza, i Lunapop e i Blue presenti sul lettore mp3. La celeberrima foto con la racchetta da tennis è la prova palese della trasformazione di questo ragazzo, una volta appassionato di campane ed opere liriche, ora icona pseudoalternativa del scena discotecara ibicenca. Da Maria Callas a Sven Vath. Camaleontico.

Cla – Ragazza dotata di lineamenti sottili, capelli biondi, sguardo malinconico e carattere pericolosamente simile a quello di Panzeri, è costretta dal sorteggio (pilotato?) a condividere la stanza proprio con il bonatese. Il suo eccellente spagnolo (che lei tuttavia definirà sempre pessimo) salva letteralmente il gruppo in innumerevoli occasioni. Mai oltre i limiti, si contraddistingue per riservatezza ed educazione, sempre mescolate con abbondanti dosi di ironia. E’ l’unica del gruppo che resiste stoica al caldo asfissiante e ai malanni, preservandosi integra sin dopo la fine della settimana. Poco incline allo sport praticato (racchettoni, biliardo, bowling), sbalordisce quando si lancia in argute analisi tecnico-tattiche sul suo Milan. La sconfitta per 4-0 nel derby la incupisce, stare in camera con uno juventino non migliora le cose. Salvatrice della patria.

Disco – Piuttosto scontata, eh? L’equazione “Ibiza = vita notturna” si conferma ancora una volta vera, e perfino i più incalliti detrattori del genere (leggasi Panzeri) sono costretti a piegarsi. Fortunatamente, ci si ferma a tre serate, rispettivamente al Divino, al Privilege e all’Amnesia. La cosa di per sè funzionerebbe anche, se consideriamo i free drink che precedono Divino e Privilege (consumazioni gratis in quantità fino ad esaurimento fegato). Peccato che la musica sia sempre la stessa, con quel tunz-tunz inarrestabile capace di far fischiare le orecchie di Padre Malve per due giorni consecutivi. DJ di dubbia bravura si alternano nel caricare la folla a mille, ragazze disinibite si lasciano trasportare dal ritmo, truzzi di ogni età le provano tutte per strofinarsi su un qualsiasi elemento di sesso femminile. Le solite scene, dunque. Obbligatoria.

"Ehi ragazzi, cosa fate stasera?" – Atterri, e sono già lì, nascosti tra i carrelli portabagagli, pronti a farti il lavaggio del cervello sul “mas grande show de Ibiza”, determinati ad affibbiarti braccialetti variopinti e flyer accattivanti, ma soprattutto disposti a tutto per ottenere soldi. L’esercito dei PR di Ibiza marcia compatto, solido e numeroso, e niente può fermarlo. In spiaggia, per strada, la mattina, il pomeriggio, la sera, sono ovunque e in nessun luogo allo stesso tempo. I nostri eroi crollano subito, presi per fame e disperazione, sconfitti dalla parlantina aggressiva ma ripetitiva della sig.ina Alba. Vedere i soldi della cassa comune svanire in prevendite per la disco, è un attimo. Da quel momento in poi i PR continuano ad insistere, ma i ragazzi si dimostrano altrettanto testardi nel rifiutare (più o meno educatamente) ogni nuova incursione. Da incubo.

Fra – Occhioni conturbanti, sorriso a lunga durata, affronta il sole a viso aperto e solo negli ultimi giorni viene messa KO. Sempre gentile con tutti, perde il self control solo nei primi momenti della malattia, quando riceve critiche ingiuste dalla dottoressa di famiglia. Dotata di indubbie qualità culinarie, preserva la comitiva dalla fame preparando svariati piatti di ottima fattura (di cui Malvestiti approfitterà persino a colazione). Infinite telefonate con il boyfriend Luca. E’ tra le più agguerrite nell’accettare la proposta della PR Alba durante il primo giorno di vacanza, ed è allo stesso tempo è una delle prime a pentirsene (se consideriamo lo stato semi-comatoso nel quale si trovava all’Amnesia). Positiva.

Guapo – Pausa gelato a Ibiza: Panzeri, la Cla e la Cami parlano tranquillamente seduti al tavolino esterno di un bar. La loro attenzione è attratta da un aitante 70enne del luogo, possessore di una bancarella, capace di attirare due giovani turiste romane verso la propria mercanzia. Le battute si sprecano ed in seguito ai modesti acquisti effettuati le due ragazze notano l’eccitazione dell’attempato venditore e si fanno immortalare con lui. Un evento da raccontare ai nipotini, come direbbe qualcuno. Il vecchietto viene soprannominato “Guapo” (“figo”, “hot” in spagnolo) dalla Cla, evidentemente sconvolta a sua volta a livello ormonale. Non mollare mai. Eterno.

Hernst – Cruciverba, che passione. La Cla detta e scrive, Panzeri e Malvestiti mettono a disposizione le loro menti perverse per completare lo schema. “Il nome di Hemingway”. Ernest. “Non ci sta”. Senz’acca, nè. “Non ci sta, non ci sta!” Quante lettere? “Sei.. mi ci sta Ernst al massimo..” Scusa fammi vedere un attimo.. Attimo di grande enigmistica, con la Cla che capisce solo dopo un quarto d’ora buono che i due boys le avevano detto di togliere la h da tempo. E infatti tra le caselle si leggeva un perentorio “Hernst”. Cinque minuti di insulti per lei, correzione alla definizione per noi, pubblicità per essi. Non stupitevi se poi dopo pochi minuti la stessa ragazza abbia abbandonato definitivamente il mondo delle parole crociate. L’importante è partecipare. Confusa.

Inglesotte – Se c’è Ibiza, c’è disco. Se c’è disco, c’è alcool. Se c’è alcool, ci sono disinibite ragazze inglesi. Catena logica che non fa una piega. Situate perlopiù nell’incantevole Sant Antoni, le ragazze anglosassoni si avvicinano alla zona del porto soprattutto per le discoteche della zona. Ovviamente, con un notevole carico alcolico nello stomaco. Si possono raccontare due episodi sull’argomento. Il primo riguarda due ragazze inglesi sul bus per il Privilege: in piedi a fatica, vestite da abiti succinti, venivano costantemente palpeggiate da ragazzi spagnoli con la bava alla bocca. Il secondo riguarda invece due ragazze molto carine incontrate da Panzeri e Ravasio in un bar vicino al porto. Qualche parola, con Ravasio che si lancia in oxfordiani tentativi di conquista, mentre le ragazze preferiscono attaccarsi al Long Island di turno. Dirette anche’esse verso l’Amnesia, faranno perdere presto le loro tracce. I fought the law, and the law won. Anarchiche.

Las Salinas – Spiaggia incantevole, anche se non ai livelli di Sant Antoni. Difficoltoso viaggio in pullman (vogliamo parlare dell’ascella del Malve che gocciola sudore sulla Bild di un arcigno tedescone?), con l’autista che deve essersi sentito un po’ SS che porta gli ebrei al lager, data la concentrazione di gente sul veicolo. Luogo ridente, con poss
ib
ilità di assistere ad avvincenti match di beach tennis, forte presenza di topless rifatti e super paella a pranzo. Digestione elaborata, ma ne valeva davvero la pena. Si ricordano anche la sonora sconfitta a Scala40 inflitta a Malvestiti da Panzeri, il sonno prolungato di Ravasio e il fantasioso lavoro di fantasia dei ragazzi sui possibili nomi attribuibili a un eventuale Malvestiti Junior. Tra le miglioi idee, vanno citate “Manico Mogano Malvestiti”, “Adolfo Benito Malvestiti”, “Mefisto Muco Malvestiti” e per concludere “Casimiro Suffrasio Malvestiti”. Dolorosi mal di testa attendono la sig.ra Malvestiti. Fantasia al potere. Creativo.

(continua..)

3 thoughts on “Ibiza Alphabet [1/2]

  1. Gioia 5 settembre 2009 / 17:29

    fantastico :D:D Aspetto la 2 parte per il commento integro!🙂

    Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...