Di atterraggi d’emergenza, di terroriste in erba e di pompieri volanti

Eccoci a una nuova puntata di Notizie inutili dal mondo. Se ne sentiva la mancanza? Non credo. Ma ve le sorbite comunque.

Mayday, mayday!
Partiamo dagli Stati Uniti, patria del baseball, del tacchino ripieno e delle stagiste presidenziali a carponi. Lunedì 14, in una giornata come tante, una ragazzina ha inviato un messaggio di lamentela sul profilo Twitter della US Airways.

Povera cucciola

La compagnia si è prontamente scusata, ma nel tweet di risposta è apparsa – non si sa bene come e perché – l’immagine di una donna nuda, con le gambe spalancate e un modellino di Boeing 777 infilato nella… be’, ci siamo capiti.

Oops something went wrong!

La US Airways ha rimosso l’immagine subito dopo più di un’ora. Sarcasm duly followed.

12

«OMFG I’m Bin Laden!»
Per restare in tema di aerei, il 13 aprile una quattordicenne olandese ha ben pensato di inviare un tweet scherzoso (?) al profilo della American Airlines, in cui si spacciava per terrorista.

C’erano una volta le ragazzine che giocavano con le bambole…

Peccato che all’American Airlines non abbiano proprio voglia di scherzare.

La piccola Sarah, in termini tecnici, si è cagata addosso.

Ma ormai era troppo tardi. Anche perché pure a Rotterdam hanno poca voglia di scherzare.

13

Dopo qualche ora di fermo, la ragazza è stata rilasciata.

Cheers!
Da Rotterdam passiamo a Amsterdam, dove un nuovo progetto di “riabilitazione sociale” ha fatto discutere. L’amministrazione locale ha fatto partire un progetto pilota rivolto a un gruppo di alcolisti sulla cinquantina, che spesso e volentieri si aggiravano per i parchi della città molestando i passanti. Fatima Elatik, responsabile della zona est di Amsterdam, ha assoldato queste persone per pulire le strade della città. Fino a qui, niente di strano. I dubbi nascono quando si legge che gli uomini – divisi in due gruppi da dieci – vengono retribuiti con una paga giornaliera di 10€, un pasto caldo e… tabacco e birra!

“For a lot of politicians it was really difficult to accept, ‘So you are giving alcohol?’. No, I am giving people a sense of perspective, even a sense of belonging. A sense of feeling that they are OK and that we need them and that we validate them and we don’t ostracize our people, because these are people that live in our district.”

Il ragionamento sembra essere questo: “se proprio devono bere, li facciamo bere noi, ma almeno non disturbano gli altri e al tempo stesso si rendono utili per la città”. Elatik ha detto che Amsterdam stava spendendo circa 1 milione di euro all’anno per campagne di prevenzione, assistenza e regolamentazione, ma senza grandi risultati. Da qui il nuovo approccio. Cosa ne pensano i diretti interessati? Fred Schiphorst, uno dei nuovi operatori ecologici, ha detto che questo impiego gli dà “maggiore dignità”, ma ha anche ammesso che il suo rapporto con l’alcool “continua ad avere alti e bassi”.

Meanwhile in Russia…
Noi chiudere con grande madrepatria russa, dove guerra con Ucraina molto probabile ma pompieri annoiarsi comunque e decidere di passare tempo così. До свидания!

6 thoughts on “Di atterraggi d’emergenza, di terroriste in erba e di pompieri volanti

  1. labyrinthpersephone 20 aprile 2014 / 13:39

    Uh la la, il divertentismo in Mother Russia!
    Grazie per aprirmis e pre nuove prospettive, anche solo sulla stupidità umana.
    Ps. Sai che appena l’ho trovato in libreria, “Lui è tornato”, l’ho comprato sulla fiducia della tua recensione? We’ll se😉

    Mi piace

    • franciswolves 22 aprile 2014 / 17:07

      Hai avuto un bel coraggio! Però poi voglio sapere se ti piace o meno, eh!

      Mi piace

  2. Pipkin 30 aprile 2014 / 12:23

    Ahah, articolo bellissimo…adoro la tizia (Sarah) che dopo il casino ha cercato rimediare dicendo “E’ stata una mia amica! Prendete il suo, di IP!!!”

    Mi piace

    • franciswolves 30 aprile 2014 / 13:09

      Sì, avevo letto anche un tweet che recitava “volevo diventare famosa, ma famosa tipo Demi Lovato, non come Bin Laden”😀

      Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...