Brasil 2014 – Adiós (#08)

Quando tra cinquant’anni mi chiederanno «cosa stavi facendo quando la Grande Spagna di Xavi, Iniesta e Casillas perse contro il Cile e fu eliminata dai mondiali in Brasile del 2014?», e sono sicuro che un fottio di persone mi chiederà una roba del genere tra cinquant’anni, io risponderò che «stavo guardando in streaming un film in svedese». Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, di Jonas Jonasson (Bompiani, 2011), è un bel libro che 1) diverte e 2) non ti cambierà la vita, ma di sicuro ti rallegra la giornata. Ebbene, dal libro è stato tratto un film, uscito anche in Italia. Peccato che il circuito UCI abbia deciso di proiettarlo ovunque tranne che nel cinema a dieci minuti da casa. Da qui la ricerca disperata in rete e la scoperta dello stream di Hundraåringen som klev ut genom fönstret och försvann con provvidenziali – seppur talvolta sballati – sottotitoli in inglese.

https://frawolves.files.wordpress.com/2014/06/4b153-hundrac3a5ringensomklevutgenomfc3b6nstretochfc3b6rsvann1.jpg

Fine di un’era?
Ma torniamo ai fatti brasiliani. Al Maracanà, teatro sessantaquattro anni fa della più grande tragedia sportiva brasiliana (la sconfitta con l’Uruguay nella finale del mondiale casalingo del 1950), si è consumato un altro dramma calcistico. Questa volta, però, a essere sacrificata agli dei del calcio è stata la nazionale spagnola, che col suo tiki taka aveva accalappiato due europei e un mondiale. La Spagna è diventata quindi la terza nazione campione in carica, dopo la Francia (2002) e l’Italia (2010), a essere eliminata al primo turno di un mondiale. Le cause? Innanzitutto una stagione sfiancante: Real Madrid, Atletico Madrid e Barcellona non hanno mai potuto alzare il piede dall’acceleratore da inizio settembre a fine maggio. Poi va considerata la frattura mai sanata tra la fazione catalana dello spogliatoio (Piqué, Xavi, Iniesta, Busquets, Jordi Alba, Fabregas) e quella madridista (Casillas, Sergio Ramos, Xabi Alonso): dopo anni passati a insultarsi e menarsi tra loro, è difficile stipulare una tregua per la nazionale. Infine pesa anche il fattore anagrafico: Xavi (34 anni) e Casillas (33) sono sembrati in netta fase calante, e di certo non sono più i fari splendenti che erano anche solo quattro anni fa. Insomma, è arrivata la fine di un’epoca? Marca, il quotidiano sportivo più diffuso in Spagna, non ha dubbi:

https://pbs.twimg.com/media/BqcicadIMAAZsa7.jpg:large

Chissene
È davvero il caso di andarci giù così pesanti? Non penso proprio. Dopotutto molti dei giocatori convocati da Del Bosque hanno l’età per fare almeno altri due mondiali, e i giovani di talento in patria non mancano di certo. Ma in fondo chissenefrega. La Spagna è stata eliminata e, con la sportività che contraddistingue il popolo calcistico, tutti – meno gli spagnoli – sono contenti. A chi passerà lo scettro? Il Brasile diventa automaticamente il grande favorito, ma lo spettacolo offerto contro il Messico ha lasciato parecchi dubbi. La stessa Olanda, capace di spiaccicare le Furie Rosse, ieri ha ballato parecchio contro l’Australia. E la Germania deve ancora confrontarsi con nazionali ben più toste del Portogallo amebico di lunedì. Lo stesso discorso vale per la Francia, mentre Italia e Argentina si sono mostrate parecchio vulnerabili nei rispettivi esordi. Insomma: tutto è ancora in sospeso. Si vedrà.

Europa, Africa, America e Asia
Oggi si affrontano Colombia e Costa d’Avorio, due squadre di fascia media entrambe vincenti all’esordio. Partita da tripla, ma scelgo gli africani (1-2) soprattutto perché hanno Bony, attaccante che adoro. In serata c’è Uruguay-Inghilterra: molto dipende dalle condizioni di Suarez, ma va detto che la difesa della Celeste ha fatto paura contro la Costa Rica. Quindi 2-0 per gli uomini d’Albione. Nella notte partita di importanza minore tra Giappone e Grecia: nel dubbio, 1-0 per gli asiatici.

2 thoughts on “Brasil 2014 – Adiós (#08)

  1. zeusstamina 19 giugno 2014 / 15:14

    Io ero al brataro/lurido o non so come lo chiamate da voi a mangiarmi ‘na schifezza. Mi ha provocato un piccolo piacere vedere la Spagna sconfitta, almeno Sergio Ramos ha smesso di bullarsi come un tacchino! ahahahahah

    Mi piace

  2. firesidechats21 20 giugno 2014 / 12:22

    Io quello che so è che questo mondiale è molto più fisico ed atletico piuttosto che tecnico e questo mi piace un casino😀

    Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...