CLIC (Consigli Letterari Indubbiamente Contestabili) – XI

Nonostante sia stata presa la solenne decisione di dedicare ai libri le ore di passione trascorse a bordo degli scricchiolanti, stridenti e stordenti convogli Trenord, nei ventotto giorni di febbraio è stata completata la lettura di un solo volume. Mica un volume qualsiasi, però.

#05

Cosa: Il Maestro e Margherita
Chi: Michail Afanas’evič Bulgakov
Quando: 1939 – ma pubblicato per la prima volta in edizione completa solo nel 1969
Come: italiano (Mondadori, 1995, traduzione di M. S. Prina)
Perché: ogni tanto capita che un libro, del tutto ignorato fino a un dato momento, cominci ad apparirti davanti agli occhi in ogni forma possibile e immaginabile – in libreria, sul web, tra amici. È il libro che sceglie te, e non viceversa, e tu puoi solo piegarti al suo volere.
E l’originale? Мастер и Маргарита
Sunto: due esponenti dell’élite letteraria russa discettano dell’esistenza di Dio mentre camminano nella Mosca del primo dopoguerra. Alla conversazione si unisce quindi un terzo personaggio, apparso dal nulla e a prima vista piuttosto stravagante, tale Woland, il quale ridendo e scherzando predice la morte per decapitazione di Berlioz, uno dei due letterati. Berlioz è scettico, scettico e strafottente, del tipo “sì sì, certo, come no!”, eppure cinque minuti dopo la sua testa rotola inerte sull’asfalto moscovita, mozzata dalle ruote di un tram. È l’inizio – grottesco, disarmante, spettacolare – di un’incredibile serie di eventi, quasi tutti causati da Woland (che non è uno strambo qualunque, ma Satana in persona) e dai suoi bizzarri compagnoni. Ma c’è anche un secondo piano narrativo, il cui protagonista è Ponzio Pilato, procuratore di Giudea. E c’è pure la vicenda del Maestro e di Margherita, i personaggi che danno il titolo al libro. Insomma: un’opera ricchissima, cui nessun sunto balordo potrà mai rendere giustizia.
Bonus: posso dire TUTTO? No? Allora scelgo Behemot, che nel corso del libro è diventato un idolo indiscusso: un enorme gatto nero dalla fine eloquenza, capace, tra le varie cose, di camminare sulle zampe posteriori e maneggiare senza problemi una pistola. Vivace e malizioso, ora distaccato ora irascibile, nella mia mente perversa ha assunto le sembianze del felino in copertina sull’ultima edizione Feltrinelli dell’opera, ma con la voce del doppiatore italiano di Doraemon, solo più maligna.
Malus: non ne ho trovati. Se per voi ce ne sono, vi ascolto e ne parliamo. Si può questionare invece la qualità della traduzione, che in diversi punti risulta datata, ma in fin dei conti in libreria si trovano edizioni più recenti e – almeno sotto questo punto di vista – migliori.
Supercit.:

“Dovrai fartene una ragione,” ribatté Woland, e un sorriso di scherno gli torse la bocca. “Non hai fatto in tempo a comparire sul tetto, che già hai commesso uno sciocco errore, e ti dirò qual è: l’intonazione della tua voce. Hai pronunciato le tue parole come se non riconoscessi l’esistenza delle ombre, e nemmeno del male. Non vuoi invece essere così buono da riflettere sulla questione: che cosa avrebbe fatto il tuo bene se non fosse esistito il male, e che aspetto avrebbe la terra se da lei scomparissero le ombre? Sono le cose e le persone che generano le ombre. Ecco l’ombra della mia spada. Ma ci sono anche le ombre degli alberi e degli esseri viventi. Non vorrai forse scorticare l’intera sfera terrestre, strappandole di dosso tutti gli alberi e tutto ciò che è vivo, per la tua fantasia di abbandonarti al godimento della nuda luce? Sei stupido.”

Consigliato a: un po’ a tutti, perché è un romanzo che contiene mille e uno generi, ma in particolare a chi si è scontrato con la letteratura russa e ne è uscito sconfitto (perché Dosotevskij è un figo, ma Bulgakov è un figo che si fa leggere più facilmente), alle bestie di Satana e ai fan di Doraemon disposti a vedere il loro beniamino in chiave meno gioiosa.
Curiosità: ne Il Maestro e Margherita c’è spazio per tutto, anche per l’autobiografismo – Bulgakov stesso, come il Maestro del libro, aveva dato alle fiamme la prima edizione del romanzo. Ma, come dice Woland, «i manoscritti non bruciano». E se lo dice lui, non so voi, ma io mi fido.

9 thoughts on “CLIC (Consigli Letterari Indubbiamente Contestabili) – XI

  1. gaberricci 1 marzo 2015 / 13:40

    Grande libro, uno dei capolavori indiscussi della letteratura (del Novecento? No, della letteratura tout court). Ed è la seconda volta in una settimana che qualcuno lo consiglia, tra i miei “followed” su WordPress. Mi sa che mi toccherà rileggerlo…

    Mi piace

    • Fra 1 marzo 2015 / 14:19

      Ecco, un’altra cosa che mi sento di dire è che lo rileggerei volentieri, anche subito. E sono sicuro che, a ogni rilettura, coglierei diverse nuove sfumature.

      Mi piace

  2. Gintoki 1 marzo 2015 / 14:45

    È un libro fantastico. Tu hai giustamente sottolineato le caratteristiche chiave, cioè facilità di accesso (che non vuol dire che sia semplice o banale) e la presenza di più intrecci o sottotrame all’interno. È un libro sicuramente che può introdurre alla letteratura russa, perché di più facile “digeribilità” rispetto a un Dostoevskij (mio riferimento letterario indiscusso) ma, ripeto, non per questo di meno valore, anzi.

    I miei complimenti Fra, condividi sempre delle belle cose e, inoltre, abbiamo gli stessi gusti.

    Mi piace

    • Fra 1 marzo 2015 / 19:16

      Grazie Gin, purtroppo non riesco a essere prolifico come vorrei, ma quando c’è da straparlare di libri sono sempre in prima fila!😀
      Il libro è a tutti gli effetti un capolavoro, anche quando offre passaggi tosti e poco intuitivi – come può esserlo la sovrapposizione finale tra la storia di Pilato e quella di Woland. Se ti ricordi, me l’ero presa con Murakami perché lasciava troppe domande senza risposta. Ecco, secondo me anche con Bulgakov ci sono passaggi che lasciano il lettore confuso, ma in questo caso perché l’autore crea una storia così variegata e indeterminata, con spazi e tempi mescolati tra loro, che a un certo punto ti tocca restare a bocca aperta. Insomma, dove Murakami fa spazientire, Bulgakov crea stupore e meraviglia. (Ovviamente sono due autori di valore diversissimo tra loro, non voglio certo fare un confronto diretto.)

      Liked by 1 persona

  3. Baines 1 marzo 2015 / 16:23

    E, se hai letto l’edizione Feltrinelli piú recente, probabilmente era la traduzione di Margherita Crepax, che avrai incrociato piú di una volta nei corridoi delle Civiche.

    Mi piace

  4. Baines 1 marzo 2015 / 16:24

    Oppure no, ho notato ora che è un’altra edizione. Allora vai a leggerti quella della Crepax, merita😉

    Mi piace

    • Fra 1 marzo 2015 / 16:31

      Sì, lo sapevo, infatti per Kindle ho la sua edizione🙂

      Mi piace

  5. ysingrinus 2 marzo 2015 / 00:54

    Bellissimo libro: una specie di Faust sovietico scritto da un genio come pochi al mondo ce ne sono stati.

    Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...