(n)Euro 2016 – Sonno, sonno, sonno, gol (#13)

Altra partita, altra vittoria, altra rete inviolata. Ma prima del gol di Eder, l’Italia di ieri ha fatto addormentare un po’ tutti. In qualche modo gli stoici membri del (n)Euro team hanno resistito ai richiami di Morfeo, ecco quindi i loro imprescindibili resoconti.

RONF RONF
Vogliamo davvero parlare di Italia – Svezia? Sicuri? Devo ancora svegliarmi dal primo tempo soporifero, l’orario post pranzo non ha certo aiutato. Ho iniziato a guardare questa partita con lo stesso entusiasmo con cui vado a fare la ceretta (donne sapete di cosa sto parlando, uomini immaginatelo) e nel corso dei minuti la situazione non è migliorata. Zero occasioni nei primi 45′, forse qualcosina meglio la Svezia, ma poca roba. Pellè ed Eder non pervenuti. Ma il primo tempo c’erano?
Nel secondo tempo non è che sia cambiato molto… Il sonno è stato interrotto da qualche piccolo urlo, fuori luogo, del telecronista. Cavolo si dormiva così bene! Una siesta perfetta… meglio che durante la MotoGp.
Erano 16 anni che l’Italia non vinceva la seconda partita in un torneo internazionale, e ha rischiato di mantenere la tradizione. Ma ci ha pensato l’italianissimo Eder a sfatare questa maledizione. Tra l’altro ce l’ha un cognome? O è come i Moschettieri, ha solo il nome?

https://i0.wp.com/sandrosabatini.com/wp-content/uploads/2015/03/edertweet.jpg
Eder l’italo-brasiliano. Più brasiliano che italo, via.

Insomma, nonostante una brutta partita, gli azzurri si sono qualificati agli ottavi con un turno d’anticipo, la fortuna di Antonio Conte è iniziata con la Juve e continua imperterrita. Voi vedere che gira e rigira, questi vanno a fare una bella figura?
(Colpoditacco)

ASPETTANDO GODOT
Italia – Svezia si presentava come una vendetta per il noto ‘biscotto’ del 2004 ai danni degli Azzurri, tra Danimarca e Svezia. Il biscotto doveva ancor esser digerito, evidentemente, perché in campo non c’è stato molto dinamismo. La cronaca dell’incontro è priva di eventi calcistici degni di nota. Ibrahimovic e Chiellini prima dell’inizio della gara si sono scambiati un amichevole calcio sugli stinchi. In campo, la Svezia sembrava aspettare l’Italia per colpire, l’Italia aspettava la Svezia per colpire, qualcuno aspettava Godot e il bel gioco, che già di per sé dura poco, stentava a presentarsi. Ibrahimovic e Chiellini nel frattempo si carezzavano a vicenda le tempie con i gomiti.
Dopo Belgio – Italia tutti si chiedevano perché Graziano Pellè avesse fatto carriera all’estero e fosse stato dimenticato dal calcio italiano. Dopo il primo tempo di questa partita anche il padre di Pellè vorrebbe dimenticarlo. La struttura fisica del centravanti italiano, infatti, non gli impedirebbe di stoppare una palla, ma lui non lo sa e non ne è capace lo stesso.
Florenzi, noto destro, è stato schierato da Conte a sinistra come mossa disorientante. La cosa è riuscita così bene che lo stesso Florenzi è stato disorientato e non è stato capace di combinare niente.

http://res.cloudinary.com/as-roma-turbine-production/image/upload/c_fill,f_auto,g_north_east,q_80,w_770/v1/asroma-uat/bzoq6oltntzbvxrkdymz
“E mo’, che faccio?”

Giaccherini, alto quanto una zucchina, è disperso in mezzo ai trampolieri svedesi e non riesce a essere l’arma a sorpresa come contro il Belgio. Parolo è soltanto Parolo. Purtroppo. Nell’intervallo, Ibrahimovic e Chiellini escono prendendosi a ditate nell’occhio.
Nella ripresa la musica sembra cambiare e l’Italia sembra più propositiva, Candreva finalmente spinge di più e arriva più volte al cross: vista la qualità dei palloni che calcia, sarebbe stato meglio rimanere anonimo come nel primo tempo. A Florenzi spiegano che deve attaccare nell’altro verso ma sempre sullo stesso lato del primo tempo e lui è ancor più confuso. Ibrahimovic manda un affiliato del suo clan a vendicarsi di Chiellini, che riceve una amichevole gomitata nello sterno. Conte ha paura che l’Italia possa segnare e mette in campo Thiago Motta e Sturaro. Parolo prende una traversa e se la porta a casa per farci una mensola, credendo di essere all’IKEA.

Quando la partita sembra ormai trascinarsi verso lo 0 a 0, ecco che si rivela quello che è stato il piano di Conte sin dall’inizio: fare come il pugile suonato, aspettare che gli altri si stanchino per poi assestare un colpo. Ed è così che Eder, che durante tutta la gara risultava non pervenuto, ha un guizzo. Come lo studente dell’ultimo banco che tutto il giorno dorme in classe e poi all’improvviso si risveglia e i compagni si chiedono “E questo chi caz.. è? Sta in classe con noi?”, prende palla dal vertice dell’area, converge portando a spasso i difensori svedesi – che ancora si stavano chiedendo chi minchia fosse quello lì – e mette in rete all’88° il gol che qualifica l’Italia agli ottavi. Ibrahimovic per la stizza usa Giaccherini come stuzzicadenti e poi prosegue a fare a pugni con Chiellini anche a fine partita sotto la doccia, dove tutt’ora pare i due si stiano scambiando cortesie.
(Gintoki)

https://s1.yimg.com/bt/api/res/1.2/6KUkTGCjgvg4bv2Nrh3SRg--/YXBwaWQ9eW5ld3NfbGVnbztmaT1maWxsO2g9Mzc3O3B4b2ZmPTUwO3B5b2ZmPTA7cT03NTt3PTY3MA--/http://media.zenfs.com/it-IT/homerun/it.goal.com/26af7d264c78bb13a8691d7a46cd6631
“Dai, gioca con me!”

IBRA FLOP, MA PURE L’ITALIA…
Ci sono due trademark in questo Europeo 2016: 1) le partite sono, in media, tutte noiose e 2) si risolvono negli ultimi minuti.
Gli italiani cercano di distinguersi dalla massa? Neanche per idea.
La noia aleggia mortifera su tutto il primo tempo. Nessuna vera azione da gol, gli svedesi rimpallano tutti gli stentati attacchi italiani e la difesa italiana fa lo stesso con l’evanescente attacco svedese. Ibrahimovic si dimostra, una volta di più, uomo da club e non da nazionale.
Il resto della formazione color canarino è tutto giocato su qualche “piede educato” (tre giocatori, Ibra compreso) e la grinta isterica di John Guidetti. Non certo un Messi in salsa di renna.

https://i0.wp.com/static2.gazzettaworld.com/wp-content/uploads/2016/06/Guidetti.jpg
Tutta la disperazione di Guidetti (per la propria prestazione orrenda).

Mi immagino già i titoli e i commenti sulla prestazione italiana… e mi viene il male. L’Italia ha giocato male contro una formazione mediocre. La squadra è senza idee a centrocampo e senza un vero guizzo in attacco. Pellè, mezzo infortunato, non incide e Eder non è pervenuto fino a fine partita. E, giuro, continuo a ritenere l’italo-brasiliano un giocatore sopravvalutato.
Il secondo tempo promette qualcosa in più, ma dopo qualche minuto di corsa si ritorna sui ritmi blandi e sui passaggi lunghi a saltare la mediana italiana. Questi incomprensibili lanci di Bonucci sono vera pacchia per difensori alti e fisicamente forti come quelli svedesi, ma se hai un centrocampo senza un’idea una, l’unico modo per mettere un pallone in area è farlo partire da distanze siderali.
Ibrahimovic gira al largo dall’area italiana e non mette paura (anche perché Chiellini gli è incollato alle caviglie). L’Italia prende un po’ di coraggio, anche grazie all’arretramento del baricentro svedese, e mette paura ai figli dell’IKEA (traversa di Parolo sul primo cross decente della partita).
Il gol arriva nel giro di pochi minuti grazie al gioco a palla bassa ed Eder, fresco visto il fancazzismo precedente, si mangia tre birilli gialli e la piazza nell’angolino basso. Obiettivamente un bel gol, che servirà a mascherare ancora un po’ la pochezza di questa formazione.
(Zeus)

13417663_1168651546506611_3033737154785528964_n
Degna rappresentanza italica in quel di Tolosa.

7 thoughts on “(n)Euro 2016 – Sonno, sonno, sonno, gol (#13)

  1. colpoditacco 18 giugno 2016 / 15:19

    L’ha ribloggato su e ha commentato:
    L’Italia vista da noi con un occhio aperto e uno chiuso per il sonno e la noia! Buona lettura, se non vi addormentate anche voi.

    Mi piace

  2. zillyfree 18 giugno 2016 / 16:55

    Non capisco cosa ci si aspetta dall’Italia, è una squadra scarsa come Svezia Irlanda ed invece arriva prima nel girone grazie alla difesa juve e ad un conte che se ne voglia è riuscito ad arrivare agli ottavi con pelle Parolo. Io non mi sono annoiato ma i più non si son annoiati perché si sapeva di dover soffrire con Ibra e quindi partita non esaltante ma eravamo tutti in tensione. Ora con Spagna o Croazia che sia perderemo. Ma su su ragazzi a meno che vi sta sulle palle l’Italia io mi annoio a vedere altre partite non con questi poveri cristi che si mettono l’anima dato che la tecnica non c’è.

    Liked by 1 persona

  3. Zeus 19 giugno 2016 / 11:06

    L’ha ribloggato su Music For Travelerse ha commentato:
    In ritardo come nella migliore tradizione ferroviaria, ecco il report della partita Italia – Svezia.
    Una di quelle partite che ti fanno rimpiangere le ore in attesa al check-in.

    Mi piace

  4. redbavon 19 giugno 2016 / 18:58

    Complimeti! Ti faccio i complimenti per essere riuscito a scrivere di una partita in cui c’è stato…il nulla. Ho inizato a leggerti per scommessa: “che potrà avere mai scritto?”. Sono arrivto alla fine ed ero ancora sveglo. Seguendo la partita, invece, sono arrivato mezzo rintronato dalla noia. Il possesso di palla dell’Italia è stato per il 50% Chiellini-Bonucci. Non gli hanno spiegato che la palla non era la loro e che ci potevano giocare tutti?

    Mi piace

    • Fra 20 giugno 2016 / 10:49

      I complimenti non vanno a me, ma a Zeus, Gintoki e Colpoditacco che hanno raccontato la partita, ciascuno a modo suo🙂
      Evidentemente anche una partita orrenda come Italia-Svezia (Chiellini che fa possesso palla è un segno piuttosto indicativo della qualità in campo) sa dare spunti di cui scrivere🙂

      Mi piace

    • redbavon 20 giugno 2016 / 13:15

      Appioppata la “stelletta” anche a Zeus grazie al quale ti ho conosciuto…Estendo i complimenti a tutti.

      Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...