(n)Euro 2016 – Solita sofferenza e rincorse rivedibili (#22)

E alla fine l’Italia venne eliminata. Ai quarti di finale, come ad Euro 2008, ma almeno senza fare figure di cioccolata, come era invece accaduto negli ultimi due mondiali. La qualità a disposizione era limitata, ma grinta e organizzazione hanno compensato parecchie lacune, a tal punto da portare ai rigori la Germania campione del mondo in carica.

È stato bello vedere Grazianone Pellé, non esattamente Gigi Riva, riuscire dopo 120 minuti a calamitare ogni palla lunga – e poi pazienza se il controllo non era proprio dolcissimo. È stato bello vedere De Sciglio giocare a calcio dopo più di due anni di anonimato, così come è sempre bello vedere San Gigi fare miracoli in porta. Certo, le palle roteano, perché perdere ai rigori non è mai piacevole, ma l’unica cosa che si può rimproverare a Conte – a mio avviso – è l’aver sostituito Chiellini con Zaza a 15 secondi dai rigori. Un po’ perché studi scientifici dimostrano[citazione necessaria] che i calciatori messi in campo APPOSTA per i rigori non segnano MAI; e un po’ perché Zaza è uno perfettamente capace di prendere una rincorsa alla Fred Flintstone e sparare la palla su Plutone – glielo si legge negli occhi.
(Fra)

120 MINUTI DI SOFFERENZA
Togliamo via subito la retorica nazionalista della partita coraggiosa etc etc. L’Italia è riuscita ad arrivare ai rigori perché la Germania non ha avuto la forza (e fortuna) necessaria di sfondare le linee difensive degli avversari. In avanti, gli Azzurri hanno combinato ben poco e se l’occasione più grande arriva su tiro di Sturaro (esemplare di un’Italia priva di elementi capaci di spaccare le partite e fare la differenza), allora si capisce che i rigori sono stati un delusione per la Germania, non per l’Italia.
La difesa italiana ha retto bene e il quartetto juventino ha bloccato molti degli attacchi portati avanti a folate dalla schiera di fantasisti tedeschi. Per un Thomas Müller abbastanza sottotono (e sempre iper-polemico), c’era un Mesut Özil carico a pallettoni e capace di spaccare la partita segnando su rimpallo fortunoso.
Da quel momento in avanti è partito lo psicodramma italiano condito da gambe molli, nervosismo (e una telecronaca oscenamente di parte… i gialli c’erano tutti) e paura di prendersi un paio di altri pappine sui denti (cosa che stava succedendo su colpo di tacco (!!) di Marione Gomez, uno che ha fioriere al posto dei piedi, e rovesciata di Draxler).
C’è da dire che l’Italia ha anche retto il colpo fino al gol del fantasista dell’Arsenal, compattandosi molto dietro e partendo in contropiede, ma Neuer non è mai stato impegnato. La Germania, all’inizio, ha studiato l’Italia, copiandone lo schema e poi, vedendo la pochezza del gioco d’attacco, ha strutturato la sua partita con passaggi infiniti e poi via con le azioni offensive. Proprio da una folata sulla fascia nasce, fra mille rimpalli e sfortune difensive, il gol tedesco.

https://i2.wp.com/i.dailymail.co.uk/i/pix/2016/07/02/22/35E5628200000578-3671713-image-a-59_1467496649876.jpg
La reazione italiana è fiacca ma c’è… anche se è la Germania che tenta il suicidio grazie alla difesa scomposta di Boateng e con il successivo rigore trasformato da Bonucci.
Il pareggio sta stretto alla Germania ed è un lusso per l’Italia, ormai allo stremo delle forze con molti dei suoi giocatori (Eder, Chiellini, Sturaro, Florenzi – sostituito prima della fine dei 90 minuti regolamentari).
La Germania inizia i tempi supplementari con la stessa impostazione tattica: far girare il pallone e far stancare i giocatori avversari. L’Italia ci casca, si sfianca rincorrendo il pallone e in sterili ripartenze. I cambi cambiano poco e si vede sempre la stessa sinfonia: Italia che cammina e Germania che non sfonda (grazie anche a buoni interventi dei difensori e di Buffon). I supplementari finiscono in parità, ma c’è ancora il tempo per inserire Zaza come rigorista al posto di un dolorante Chiellini.
Ai rigori, incredibilmente, l’Italia è in vantaggio a causa di un super Buffon (para un rigore, seppur calciato malissimo dall’attaccante da Thomas Müller), ma Zaza e Pellé tirano due rigori così orribili da dover essere censurati (perdonabile, in parte, l’errore di Bonucci).
Solo l’errore, ancora, di Schweinsteiger tiene in vita le speranze italiane che, inevitabilmente, si infrangono sul rigore di Darmian (non proprio un rigorista nato) e sulla realizzazione di Hector (anche lui oltre lo stanco… e infatti tira un rigore di burro che Buffon intuisce ma non para).
Questa sera vedremo chi affronterà la corazzata tedesca: i fortunosi francesi o i volenterosi islandesi? Lo sapremo fra 90 minuti.
(Zeus)

Italy v Republic of Ireland - Group E: UEFA Euro 2016

7 thoughts on “(n)Euro 2016 – Solita sofferenza e rincorse rivedibili (#22)

  1. gaberricci 3 luglio 2016 / 22:15

    Ed era pur ora che qualche partita, in questo Europeo, la vincessero i più bravi e non i più fortunati.

    Mi piace

    • Fra 4 luglio 2016 / 13:32

      Be’, in senso assoluto sì. Però, se prendi la partita, non c’è stata proprio questa differenza di livello. Mi aspettavo una Germania molto più aggressiva e dominante.

      Mi piace

    • gaberricci 4 luglio 2016 / 14:09

      Non hai torto. Però anche durante la partita, il predominio è stato palese. Almeno da quando si è svegliato Ozil.

      Mi piace

  2. Zeus 4 luglio 2016 / 10:32

    Sai che stavo pensando una cosa? L’Italia era proprio creatura di Conte… isterica, agonista ma che si perde in un bicchier d’acqua quando c’è da ragionare, da far correre palla e non i giocatori.
    Questo “problema” era anche della juventus… grinta e bava alla bocca, ma ad un certo punto schiattavano di fatica.

    Mi piace

    • Fra 4 luglio 2016 / 13:36

      Sì, non c’è dubbio, l’agonismo prima di tutto. Ma considera anche il materiale a disposizione: non c’era un granchè da ragionare😀
      Con la Juve era comunque alla guida della squadra più forte del campionato, quindi i problemi sorgevano (soprattutto nei primi due anni) quando l’avversario puntava al pareggio e si chiudeva in difesa.

      Mi piace

    • Zeus 4 luglio 2016 / 14:42

      Sì, infatti. Poco materiale “geniale” e tanto agonismo… corrono corrono ma dove? Alla fine erano esausti e, comunque, senza un’idea.
      Con la Juve il discorso era proprio quello che dici te… idem per quanto riguarda le squadre di punta che la facevano correre come una scema e poi la inchiodavano a terra.

      Mi piace

  3. Zeus 4 luglio 2016 / 10:33

    L’ha ribloggato su Music For Travelerse ha commentato:
    Psicodramma italiano e tedeschi vincenti.
    Tutti parlano del rigore di Pellé, nessuno della fortuna di esserci arrivati ai rigori.
    Misteri.

    Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...