Wolves

È stato nel 2003. Bei tempi. Ottenni da alcuni amici la copia di un videogioco per pc, Championship Manager 03/04. Uno dei primi manageriali, quei giochi dove puoi impersonare un manager fittizio e portare la tua squadra del cuore al successo (tra tattiche, allenamenti e campagne acquisti).
Feci le prime partite con la Juventus. Era l’ultima Juve di Lippi, con Thuram e Tudor centrali di difesa, Davids a legnare in mezzo al campo e Athirson, costantemente in panchina, che si lamentava perché facevo giocare sempre Zambrotta al posto suo. Chissà che fine ha fatto, Athirson.
Ma con la Juve era tutto troppo facile. Passai alla Premier League. E presi una squadra sconosciuta: i Wolves.

Il logo del WWFC

Più tardi scoprii che Wolves era l’abbreviazione di Wolverhampton Wanderers Football Club. L’abbreviazione mi parve più che giustificata.
Maglietta arancio-nera, budget limitatissimo e miglior giocatore (Kenny Miller) infortunato. Tipica situazione da neo-promossa, insomma.
In quell’anno i veri Wolves tornarono subito in Championship, il corrispondente inglese della serie B: in tutta la stagione non ottennero nemmeno una vittoria fuori casa e si fermarono a 28 punti. Unica perla, la vittoria contro il Manchester United: 1-0 al Molineux, stadio di casa, grazie al gol di Miller.
Nel videogioco le cose andarono diversamente.
Grazie a prestiti azzeccati riuscii a portare questa squadretta, destinata inizialmente alla retrocessione, fino al sesto posto (con qualificazione per l’allora coppa Uefa). Ci presi gusto, e feci diventare punti fermi della squadra alcuni giocatori che nella realtà si erano rivelati dei bidoni clamorosi (Silas, Iversen, Okoronkwo).
Dopo alcune stagioni abbandonai i Wolves e cominciai partite con altre squadre (leggasi Pro Sesto presa in C2 e portata in Champions). Ma quella squadra arancione ormai mi era simpatica, e iniziai a seguirne le vicende tramite Internet.

Lo stemma della città di Wolverhampton

Fu così che scoprii che Wolverhampton era una città delle West Midlands, nel cuore dell’Inghilterra. Situata accanto a Birmingham e popolata da più di 250mila inglesotti ubriachi, questa città fu un importante polo del settore secondario ai tempi della celeberrima Rivoluzione Industriale inglese.
Scoprii che la squadra era una tra le più vecchie d’Inghilterra (1877!) ed era stata tra i fondatori della gloriosa Football League, il campionato di calcio più antico del mondo. Scoprii inoltre che, parecchio tempo addietro, i Wolves lottavano per molto più di una misera salvezza: negli anni ’50 i migliori club europei (Spartak Mosca, Real Madrid, l’invincibile Honvéd di Puskas) e mondiali (Racing Club of Argentina) erano soliti uscire sconfitti dal Molineux.
Tanta roba.
Iniziai a seguire la squadra tramite il sito ufficiale, e feci presto a notare la proverbiale incostanza del team: alla vittoria del derby in casa degli acerrimi rivali del West Bromwich Albion (squadra allora superiore), poteva benissimo seguire una clamorosa sconfitta, come quel famoso 0-6 contro il Southampton (ma con i magici tifosi che cantavano: “We’ll win 7-6!”).
Dopo la retrocessione del 2004, si fece tabula rasa: nuovi giocatori, nuovo allenatore. Seguirono due stagioni di passaggio, e nel 2006 arrivò Mick McCarthy, ex c.t. dell’Irlanda. La rivoluzione si completò nel 2007, con il passaggio di proprietà del club, in mano all’imprenditore Steve Morgan.

Finalmente nel 2009 è arrivata la promozione, e sono seguite tre stagioni consecutive in Premier League. Il 2012 si è rivelato tuttavia un anno privo di vittorie e soddisfazioni: il derby perso in casa contro il WBA (1-5) ha portato all’esonero di McCarthy, rimpiazzato (malamente) dal vice Terry Connor. Il cambio in panchina non ha portato ai risultati sperati, e i Wolves sono stati retrocessi.
L’estate 2012 ha portato grandi cambiamenti: via Connor, al suo posto Ståle Solbakken, ex manager di Copenhagen e Colonia. La stagione in Championship si prospetta lunga e sofferta, ma non per questo meno affascinante della lotta salvezza in Premier.

Marzo 2013: la stagione si è dimostrata talmente sofferta che Solbakken è già tornato in Norvegia, esonerato al termine di un’imbarazzante sconfitta in FA Cup (Luton-Wolves 1-0). Ora sulla panchina c’è Dean Saunders, ex Wrexham e Doncaster Rovers, ma la squadra è messa davvero male. Si lotta per non retrocedere in League One.

Giugno 2013: E League One fu. Il mercato è ancora fermo, ma si pensa che i “grandi nomi” (se ancora ce ne sono) se ne andranno tutti. Il nuovo manager è Kenny Jackett, ex Millwall. In bocca al lupo, sarà dura…

Wolverhampton Wanderers Football Club
Anno di fondazione: 1877
Colori sociali: arancione e nero
Soprannomi: The Wanderers, Wolves
Rivali: Birmingham City, West Bromwich Albion, Aston Villa
Stadio: Molineux Stadium
Presidente: Steve Morgan
Manager: Kenny Jackett
Capitano: Sam Ricketts
Campionato: nPower League One
Palmarès: 3 campionati inglesi (’53-’54, ’57-’58, ’58-’59),  4 FA Cup (1893, 1908, 1949, 1960), 2 coppe di Lega (1974, 1980)

“…Out of darkness cometh light…”

15 thoughts on “Wolves

  1. Vale 12 settembre 2010 / 14:30

    Meravigliosa descrizione, ma non rinnego la mia fede, nemmeno dopo la 4° gara del campionato e ancora 0 punti in classifica. Tre anni fa han fatto il miracolo, spero si sveglino su anche quest’anno u_U

    Mi piace

  2. babymarkt 28 novembre 2011 / 16:26

    I am extremely impressed with your writing skills as well as with the layout on your blog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Anyway keep up the excellent quality writing, it is rare to see a great blog like this one nowadays..

    Mi piace

  3. zeusstamina 28 agosto 2013 / 09:23

    Complimenti, non si sa quanta gente ha incominciato a seguire la Premier tramite Championship Manager… eheh.

    Mi piace

    • franciswolves 29 agosto 2013 / 22:23

      Championship (ora Football) Manager è il primo riferimento sotto la voce “dipendenza videoludica”🙂

      Mi piace

    • zeusstamina 30 agosto 2013 / 15:34

      Ehhh… guarda, io ho iniziato proprio con Championship Manager, con i vari Scudetto e PcCalcio (con ancora Kolyvanov al Foggia! ahahah).
      Avevo una versione ignobile di calcio manageriale.

      Mi piace

  4. swannmatassa 29 agosto 2013 / 22:06

    Mi hai fatto conoscere i Wolves, che avevo sempre ignorato, in modo interessante. E poi sei un runner. Per questo ti perdono quelle prime partite con la Juventus😉

    Mi piace

    • franciswolves 29 agosto 2013 / 22:25

      Sono cresciuto juventino da padre juventino, la Premier League e Championship Manager sono arrivati troppo tardi🙂

      Mi piace

    • swannmatassa 29 agosto 2013 / 22:29

      Nessuno è perfetto😀
      Adesso scusa, devo lasciarti… sto leggendo di Kazimir Malevich e del suo “Quadrato nero su fondo bianco” (e dai co’ sto biano-nero!)😉

      Mi piace

  5. Firmato Ckf 4 novembre 2013 / 16:20

    championship manager 01/02… ho rischiato la bocciatura a causa di questo gioco, comunque, non so perché squadre forti come Milan e Inter dopo una decina di stagioni rischiavano la Serie B ogni anno (e io che pensavo fosse un pessimo gioco, guarda il Milan dov’è adesso!)

    Mi piace

    • franciswolves 4 novembre 2013 / 23:50

      Miles Jacobson e soci ne sanno a pacchi, prevedono anche il futuro!

      Mi piace

  6. Firmato Ckf 2 dicembre 2013 / 22:56

    Abbi pazienza, non sapevo dove dirti che il nuovo tema è strafiqo! E non scherzo! però commentare è diventato scomodo, dovresti mettere qualcosa per rendere la vita più facile a pigri come me (ma anche scoraggiare i rompipalle come me dal commentare è una valida scelta editoriale)

    Mi piace

    • franciswolves 2 dicembre 2013 / 23:29

      In che senso scomodo? Il sistema dei commenti mi sembra invariato, rispetto a prima.. che differenze vedi? :O

      Mi piace

    • Firmato Ckf 3 dicembre 2013 / 07:01

      Non c’è il box in fondo agli articoli, per commentare devi salire all’inizio dell’articolo e premere commenti

      Mi piace

    • franciswolves 3 dicembre 2013 / 07:06

      Appena posso do un’occhiata e vedo se è possibile fare qualcosa.

      Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...