[FM18] Caduta libera

Football Manager è un videogioco manageriale di simulazione calcistica. All’indomani della clamorosa mancata qualificazione dell’Italia dai mondiali di Russia 2018, gli obiettivi sono due:

– salvare il Benevento dalla retrocessione;
– diventare CT della Nazionale azzurra.

Qui gli scorsi episodi: #0 Ventura scànsate, #1 Di tamarri, Bostik e malattie veneree, #2 Clamoroso al Vigorito, #3 Formiche azzurre e bulldozer tamarri, #4 Come il gol di Brignoli, #5 Piccoli problemi di cuore, #6 Spareggioni soporiferi


Giugno si avvicina, la stagione calcistica è agli sgoccioli, e forse proprio per questo ha senso riportare alla luce le vicende virtuali del nostro amato Benevento.

Nonostante un girone di ritorno scoppiettante, le Streghe hanno pagato il nulla cosmico prodotto da agosto a gennaio, sei mesi in cui i numerosi carneadi in rosa (quali nonni racconteranno ai nipotini le imprese di Costa, Letizia e Di Chiara?) si sono prodotti in prestazioni deprimenti e sciagurate, con innumerevoli punti gettati via in zona Cesarini. L’arrivo del nuovo allenatore De Zerbi e la semi-rivoluzione del calciomercato di gennaio hanno portato un gioco nettamente più propositivo e alcune storiche vittorie, come quella a S. Siro contro il Milan, ma tutto ciò non è bastato.

Les jeux sont fait. Alea iacta est. L’è scapàda la quàja. Benevento di nuovo in B e già vedo appassionati secernere palate di nostalgico rimpianto per una squadra che entra di diritto tra le più scarse mai comparse in Serie A – anche se l’Ancona del 2003/04 resta irraggiungibile (e se “Ancona 2003/04” non vi dice niente, vi consiglio questo articolo per rinfrescarvi la memoria e spendere qualche lacrimuccia).

Ma accantoniamo il dovere di cronaca e passiamo al vero impulso di questa faceta narrazione, ovvero la stagione parallela di un Benevento in codice binario che su Football Manager vorremmo guidare a una tranquilla e gioiosa salvezza. Sebbene i giocatori in campo siano pressoché gli stessi zozzoni che hanno fatto retrocedere le Streghe ad aprile (a livello matematico, perché nell’anima erano retrocesse già a ottobre), nel gioco le corse e le pedate dei giallorossi sono state ben più foriere di soddisfazioni.

20180524223600_1

Amichevoli prestagionali: una marcia regale. Primo impegno ufficiale: 1-0 cinico in Coppa Italia. Esordio in Serie A: pareggio in casa contro i sei (ormai sette) volte campioni d’Italia. E poi il pareggio a Roma, le vittorie con Milan e Napoli, le caterve di gol segnati e una difesa tutto sommato solida. Dopo dodici partite di campionato, i nostri eroi sono quinti con 22 punti e un glorioso +10 nella differenza reti.

E qui iniziano i dolori. A novembre il Benevento si spegne, si scompone, si liquefà. Tutto inizia con la sconfitta a Firenze raccontata nel penultimo episodio, con un possibilissimo pareggio svanito al 91° per via di un gol del tutto evitabile. Poi arriva la Lazio in casa. Perdere con la Lazio ci sta, senza dubbio. Vagamente meno accettabile è il comportamento di Memushaj, faticatore di centrocampo, che si fa ammonire al 64′ ed espellere al 65′, togliendo così ai compagni le poche speranze di riacciuffare gli avversari, in quel momento già sul 2-1. Secondo voci di corridoio Memushaj avrebbe cominciato a comportarsi in modo strano dopo aver bevuto da una borraccia passatagli con insolita gentilezza da Chibsah, altro rozzo pedatore, costretto alla panchina dalle finora buone prestazioni del compagno.

Chibsah, più per assenza di alternative che per merito, parte titolare nella successiva trasferta al Mapei Stadium. La partita è orrenda, diversi spettatori in tribuna si coprono gli occhi per ripararsi dallo scempio, e così facendo si perdono l’unico gol della giornata, ovviamente messo a segno dal Sassuolo (Berardi su calcio d’angolo). Il risultato finale è 1-0 e dopo tre sconfitte consecutive l’entusiasmo nello spogliatoio inizia ad affievolirsi. La vittoria in Coppa Italia contro lo Spezia (3-1) è il raggio di sole che compare dopo una lunga giornata di pioggia, capisce che non è abbastanza potente per scaldare o illuminare alcunché, si deprime e se ne va, lasciando di nuovo lo spazio ai nuvoloni.

C’è anche della sfiga, parecchia sfiga, che però va a bilanciare le botte di culo prontamente accettate a inizio stagione. Nella trasferta contro l’Inter (altro 0-1) la partita è decisa da Belec, propenso a vaccate di prim’ordine. Su calcio d’angolo di Borja Valero, Gagliardini colpisce di testa e manda la palla sulla traversa. Belec, in porta, invece di cercare di bloccare la sfera, decide di rinviare al volo. Il pallone si spalma sulla faccia di Perisic, in piena traiettoria, e finisce in rete.

 

Non ci credete? Ho le prove:

Seguono due pareggi contro squadre che in classifica sono più o meno al nostro livello, Bologna (1-1 in casa) e Cagliari (0-0 in trasferta). Nel mezzo, l’infortunio piuttosto serio alla nostra Grande Speranza Tatuata, a.k.a. Amatino Ciciretti; i brontolii di Armenteros e Del Pinto (CHI?!?), a loro avviso troppo forti per fare così tanta panchina (be’, oddio, parliamone); la sconfitta (0-3) contro le riserve delle riserve della Lazio in Coppa Italia (ma pure la nostra formazione era qualcosa di indecente).

Per concludere il girone d’andata in grande stile, arrivano anche le sconfitte contro Samp (1-2 in casa) e Atalanta (3-1 a Bergamo), durante le quali si assiste a uno spettacolo turpe a base di strafalcioni difensivi, rigori sbagliati e autogol atroci. Il morale della truppa è sotto i tacchi, non tanto per la posizione in classifica – un pur sempre ottimo 13° posto, merito dell’exploit di inizio stagione – quanto per le nove partite consecutive senza vittorie in campionato.

20180524223617_1.jpg

Siamo a inizio 2018, apre il calciomercato invernale e, a differenza del suo omologo in carne e ossa, su FM il presidente Vigorito non è così disposto a spendere e spandere per rafforzare la squadra. Sette dei sedici milioni del monte stipendi sono destinati a giocatori in prestito che per contratto non possiamo rispedire al mittente, e allo stesso modo il budget trasferimenti è quasi inesistente (600mila €, più o meno un mignolino di Cristiano Ronaldo, o una caccola di Neymar). Insomma: i giocatori sono scarsi e depressi, il capitano Lucioni non vuole rinnovare il contratto, un paio di altri gaglioffi vogliono andarsene, le finanze fanno pietà e il mercato non sta esattamente aspettando noi. Ah, e la prossima partita è contro la Juve a Torino. A naso, il girone di ritorno sarà pianto e stridore di denti.

20180524223519_1

Annunci

11 pensieri riguardo “[FM18] Caduta libera

  1. In FM bisogna riuscire a riprendersi subito dopo la sconfitta (quindi il turno dopo o c’è il segno W o sei fregato), se no il morale cala a picco in mezzo secondo. Non ho mai visto così tanti mugugni come in queste ultime edizioni di FM, dopo mezzo secondo c’è gente che ti chiede di andarsene e, se tu gli spieghi che la stagione è lunga etc etc, ti dice subito: “vuoi che mi lamenti in pubblico e nello spogliatoio?”.
    Sti stronzi.

    Mi piace

    1. Massì, infatti, ste fighette saltano due partite e ti saltano addosso. Se hai 7/20 in determinazione, 8/20 in gioco di squadra e 6/20 in impegno, come puoi pretendere che io ti metta titolare?

      Mi piace

    2. Il problema è che, quando giocavo con il Sassuolo, venivano fuori i classici Acerbi e Berardi. La cosa è ironica, perché Acerbi era titolare fisso (voleva giocare e/o andarsene alla Juve nel caso in cui fosse arrivata l’offerta) e Berardi (infortunato per 8 mesi al tempo) mi diceva che giocava poco quando era agli sgoccioli dell’infortunio – quindi con forma partita -12.
      Misteri.

      Mi piace

Sì?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...